lunedì 31 dicembre 2012

Happy new year

Siamo così giunti alla fine di questo strano duemiladodici, bisestile, con una fine del mondo annunciata e poi scampata... eccoci qua, ce l'abbiamo fatta.
Auguro a tutti un buon 2013,  a quelli che mi vogliono bene e anche a quelli che me ne vogliono un po' meno. Spero che porti davvero una ventata di ottimismo e cose buone di cui un po' tutti abbiamo bisogno.
Sono all'oscuro degli avventimenti dell'ultim'ora, ho deciso di staccare un po' la spina e spero vada tutto bene. C'è chi dice che quello che si fa il primo dell'anno lo si fa tutto l'anno... beh... io comincio questo 2013 in paradiso... mi auguro che mi sia di buon auspicio ed auguro lo stesso a tutti i miei amici!
BUON ANNO A TUTTI!!!


giovedì 27 dicembre 2012

Zeitgeist

Trascorse le festività natalizie ora si attende la fine dell'anno. E' sicuramente il momento dei buoni propositi ma guardarsi alle spalle non può far male, soprattutto se, tutto sommato, si è fatto anche qualcosa di bello.



martedì 25 dicembre 2012

Letterina


Non ti chiedo nulla per me, ringraziando Dio non mi manca niente.
Quello che vorrei è qualcosa per NOI.
Il rispetto, la bontà, un po' di ottimismo, e tutto ciò che può servire per poterci risollevare da questo periodo di difficoltà che sembra non finire mai.
Vorrei che ai piani alti ci rappresentasse qualcuno a cui davvero stia a cuore il nostro interesse, quello di tutti, che la si smettesse di abusare della credulità popolare per curare gli affari dei soliti pochi. Vorrei che si parlasse chiaro, che si dicessero le cose come stanno.
Vorrei non sentire più parlare di gente che se ne va in cerca di migliori prospettive, mi piacerebbe contribuire a formare una Nazione in grado di garantire un futuro ai nostri bambini.
Ammetto che a tratti mi prende lo sconforto, perchè se analizzo la situazione razionalmente e prendo atto di ciò che accade ogni giorno mi risulta difficile avere ancora fiducia. Ma nonostante non sia più un ragazzino mi sento di far parte della nuova generazione e perciò bisogna crederci.
Vorrei che fossimo capaci di abbracciarci, tutti, di restare uniti, perchè chiunque è in grado di distinguere il bene dal male. Vorrei che fosse più facile rinunciare a qualche favoritismo oggi perchè potrebbe voler dire aver investito sul nostro benessere di domani.
Vorrei...



venerdì 21 dicembre 2012

The end?


Cari amici, non solo questo potrebbe essere l'ultimo post di questo blog, ma se i Maya avessero ragione oggi potrebbe essere l'ultimo giorno della nostra vita.
Se fossi sicuro che fra qualche ora il mondo non esistesse più probabilmente scriverei altre cose, manifesterei qualche sentimento in più e mi leverei qualche sassolino dalla scarpa, più che altro mi sarebbe piaciuto saperlo con un po' di anticipo in modo tale da vivere i miei ultimi giorni diversamente... ma siccome un briciolo di speranza che arrivi domani c'è, sono costretto ancora una volta a far prevalere la diplomazia.
Resta solo da capire una cosa: alcuni dicono alle 11.00, altri alle 12.21, altri ancora alle 21.12... e quindi la domanda di stamane è: a che ora è la fine del mondo?


giovedì 20 dicembre 2012

Dall'alto i problemi sembrano più piccoli

Il nostro universo, quasi 14 miliardi di anni luce. La stella più vicina alla Terra al di fuori del sistema solare è "solo" a 4,2 milioni di anni luce ma se dovessimo contare tutte le stelle nell'universo sarebbe come contare tutti i granelli di sabbia di tutte le spiagge di tutto il mondo.
Così raccontava ieri sera al pubblico vigevanese Paolo Nespoli, l'astronauta italiano che detiene il record di permanenza nello spazio: 6 mesi nella stazione spaziale internazionale in assenza di gravità a 400 chilometri dalla superficie terrestre.
Vieni sparato da un razzo che in 8 minuti circa ti porta in orbita, e poi aggancia la stazione internazionale che ruota intorno alla Terra a 28000 chilometri orari, in un'ora e mezza fa il giro del mondo, se guardi fuori significa vedere 16 albe e 16 tramonti al giorno.
6 mesi di ricerca con l'utilizzo delle tecnologie più avanzate, di studi medici e biologici, di esplorazione. Da piccolo sognava di fare l'astronauta, ora rappresenta l'Italia nel mondo delle missioni spaziali. I sogni a volte si avverano. Non bisogna mai smettere di sognare.




mercoledì 19 dicembre 2012

Bigliettini

Se venerdì sopravviveremo alla profezia Maya il prossimo fine settimana ci porterà dritto dritto nel vivo delle festività natalizie. Vi ricordate qualche anno fa? In questo periodo la casa era piena non solo di pacchi e pacchettini, ma anche di mille biglietti d'auguri da spedire oltre che alle persone più care, a quelle che non vedevi quasi mai e anche a coloro i quali necessitavano di un augurio un po' più formale.
Oggi la comunicazione ha fatto passi da gigante ed è cambiata totalmente, persino il classico SMS è diventato obsoleto, ci sono i social network che ci permettono di essere sempre tutti collegati, e gli smartphones che coi loro servizi di istant messaging ci fanno vivere perennemente in una chat.
Non tutto ciò che è tecnologico però viene per nuocere, anzi, e anche dalla rete possono derivare iniziative interessanti, moderne e nello stesso tempo genuine, come questo bellissimo e divertente messaggio d'auguri che ho ricevuto l'altro giorno, e che vi giro con piacere


martedì 18 dicembre 2012

Fiorella Mannoia

Strepitoso concerto ieri sera al Teatro degli Arcimboldi! Una Fiorella Mannoia come non mi aspettavo di vedere, dai toni decisamente informali, ha portato in scena il suo ultimo lavoro, parte integrante del progetto Axé in cui è seriamente impegnata e del quale annovera due bravissimi musicisti africani che ben si integrano alla sua band.
Due ore di grandi emozioni, la grande sala milanese piena, un'artista di un livello unico in splendida forma, una delle migliori interpreti della canzone italiana, voce dei più grandi autori, si è esibita scalza, con un vestito lungo ma anche in jeans e maglietta ballando ai ritmi dei suoi nuovi arrangiamenti e non facendo mancare i grandi successi. Grande contatto coi fans: ha cominciato esonerando il personale di sala consentendo al pubblico di filmarla e fotografarla ed ha concluso con un bagno di folla scendendo tra la gente in platea.
Davvero un bellissimo spettacolo!
Un grazie a tutto il "concert group" ed in particolare ai miei amici Fabio e Sabrina.


lunedì 17 dicembre 2012

Un sottomarino nella nebbia

La dritta era quella giusta: l'open-day al nuovissimo Palazzo Lombardia, nuova sede della Regione inaugurata l'11 marzo del 2011. Il grattacielo, alto 161 metri, fa parte di un complesso comprendente anche altri edifici curvilinei più bassi i quali racchiudono piazza Città di Lombardia, la piazza coperta più grande d'Europa. La possibilità di salire al belvedere del trentanovesimo piano era un'occasione da non mancare, peccato però che Milano ieri si presentava nella sua forma più caratteristica: con la nebbia. Mission aborted.


Poco male, rientrare dopo anni al Museo della Scienza e della Tecnologia ha pienamente sopperito alla mancanza di panorama dovuta alle avversità meteo ed è stata davvero interessante la visita guidata al Sottomarino S-506 E. Toti che già diede il suo spettacolo nell'agosto del 2005 quando dopo 30 anni di servizio  nella nostra Marina Militare attraversò il nord Italia per giungere a Milano.


La giornata si è conclusa nel tardo pomeriggio in centro, al Museo del '900 eccezionalmente ad ingresso libero, al quale si poteva degustare una squisita cioccolata calda, gentilmente offerta e decisamente rigenerante dopo la camminata per le vie meneghine addobbate a festa.
Riprendono oggi i normali ritmi di lavoro, è il rush finale prima delle festività natalizie ma... c'è qualcosa di strano, sarà che forse questa è la nostra ultima settimana di vita... vabbè... cosa succederà lo vedremo venerdì, nel frattempo riprendono anche gli eventi musicali e quindi stasera Arcimboldiamo!

sabato 15 dicembre 2012

Body, Buildings & Art

Dare spazio ai propri collaboratori significa, oltre che poter contare su figure professionali che stimi e per le quali nutri la massima fiducia, anche ritrovarsi ad avere di tanto in tanto, una mezza giornata libera.
E così ieri pomeriggio, sfidando le condizioni pessime della viabilità lombarda, aggravate dalla prima abbondante nevicata di questo inverno, sono stato in una Milano dai toni decisamente più tranquilli del solito. Prima tappa la Fabbrica del Vapore, nei pressi di quella che è ormai diventata la ChinaTown meneghina, a far visita a Body Worlds, la spettacolare mostra dedicata al corpo umano, l'anatomia ed i complessi funzionamenti del nostro organismo vengono presentati in maniera semplice agli occhi di tutti con modelli ottenuti tramite la tecnica di plastinazione di veri corpi umani di donatori consenzienti. Diverse installazioni davvero interessanti, assolutamente da non perdere, per grandi e piccini.


Tornando verso la Stazione P.ta Garibaldi per riprendere la metropolitana sono rimasto estasiato dalla vista del modernissimo quartiere Porta Nuova. Finalmente anche Milano, al pari delle altre metropoli europee, ha la sua area supermoderna: una nuova piazza con illuminazioni led e giochi d'acqua alla quale fanno da cornice tre grattacieli, uno dei quali alto al punto tale da non vederne la sommità quando c'è foschia. Costruzioni in vetro ed acciaio proprie dei tempi moderni, si affiancano ai palazzoni della Milano ottocentesca.



Giornata conclusasi alla Triennale, location ormai storica ai margini di Parco Sempione, polmone verde della città, alla quale arte moderna, design ed architettura danno il meglio di se. Il biglietto all-in-one consente, con pochi euro, di visitare le quattro le mostre presenti, tutte interessanti nel loro genere e piacevoli anche per chi, come me, non può certo annoverarsi tra gli addetti ai lavori.


giovedì 13 dicembre 2012

Santa Lucia

Non c'è Babbo Natale o Befana che tenga, la prima a portare i regali ai bambini è sempre Santa Lucia. In alcune zone d'Italia questa mattina la Santa di Siracusa in groppa al suo asinello ha lasciato i suoi doni ai bambini più meritevoli.
Io invece, che forse grande lo sono diventato, mi trovo a riflettere su questo clima natalizio, non necessariamente più superficiale, ma semplicemente visto in maniera diversa proprio perché adulto. Allora quale migliore occasione per fare un salto nel tempo, a quando bambini eravamo noi, per pensare a come veniva vissuta l'attesa del Natale, e per cercare di trasmettere ai bimbi di oggi che non si tratta solamente di ricevere un gioco nuovo. Sembra passato un minuto da quel momento...


mercoledì 12 dicembre 2012

Martelloni

Grande onore per quel briciolo di orgoglio vigevanese che mi rimane nel cuore, l'aver assistito ieri sera alla prima serata di Sconcerto di Natale, lo spettacolo teatrale dei Martelloni, i cui proventi sono da sempre devoluti in beneficenza.
Lo storico gruppo di satira politica non calcava le scene dal 2007 e oggi, pur non nascondendo i segni del tempo, non abbandona lo spirito goliardico che lo caratterizza da oltre 40 anni. Guidati da Elia Panzarasa, regista e coreografa da sempre, i Martelloni hanno sparato a zero mettendo a ferro e fuoco l'intera vita politica vigevanese avvolti nella splendida cornice ottocentesca del Civico Teatro A. Cagnoni, vanto cittadino.
Un unico appunto alla bellissima serata: a mio avviso sono ancora troppi i visoni sfoggiati nel foyer, sarebbe ora di lasciarli in pace questi animaletti, no?


martedì 11 dicembre 2012

Babbo baby

Anche chi non è un affezionato ascoltatore dell'emittente di via Massena come lo sono io avrà sicuramente buttato un'occhio, o meglio, un orecchio alla canzone di Natale, uscita ieri nella versione cantata da tutti i disc-jockeys.
Il fatto che sia stata scritta sulle note di un pezzo già di successo sicuramente contribuisce alla sua orecchiabilità già dal primo ascolto, cosa che non sempre si era verificato negli ultimi anni. Rimane sempre un bel modo per augurare Buone Feste agli oltre cinque milioni di ascoltatori giornalieri... e anche a quelli che preferiscono altre radio.


Dopo un fine settimana completamente messo KO da qualche strano virus pian piano si riprende il ritmo, che è quello frenetico del rush finale pre-natalizio, e con esso riprendono anche le seratine giuste: questa sera ho addirittura un palco riservato al nostro bellissimo Teatro Cagnoni. Uhm... dovrò mettermi in smocking?

sabato 8 dicembre 2012

Più buoni...

Se non fosse che ogni tanto capita anche a me di avere qualche malanno di stagione che mi segrega in casa, non mi sarei nemmeno accorto che sono cominciati gli spot natalizi in TV, di solito non la guardo mai. Il tema che spesso li accomuna è la speranza di essere più buoni, almeno in questo periodo.
Io credo che siano solo semplici spot che puntano alla vendita di questo o quel prodotto. Bisognerebbe pensare di essere più buoni, più onesti, più rispettosi e più giusti ogni giorno dell'anno, non solo a Natale. Ma tralasciando i luoghi comuni eccoci giunti alla festa dell'Immacolata: neanche quest'anno farò ne l'albero ne il presepe, del resto non li vedrebbe nessuno, concentrerò piuttosto le mie attenzioni sull'unica persona che le merita, sperando con tutto il cuore di poter, in qualche modo, contribuire a regalargli un mondo migliore e di sentirlo sempre più o meno così:


martedì 4 dicembre 2012

Malika Ayane

Ultima data teatrale ieri sera agli Arcimboldi per il tour Ricreazione 2012 di Malika Ayane che si conclude questa sera al Blue Note. Accompagnata da dieci musicisti Malika è riuscita a mettere in piedi un concerto decisamente da gustare nei suoi arrangiamenti molto accurati avvolto in una scenografia semplice, con giochi di luci scelti ad hoc.
La ricca scaletta ha proposto ventitre brani tenendo alta per quasi due ore l'attenzione del numeroso pubblico in sala che ha partecipato con entusiasmo ad uno spettacolo molto gradito.
Un grazie alla mia amica Ilaria per la compagnia.


lunedì 3 dicembre 2012

Music & Paintings

Si è appena concluso un fine settimana che ha preso il via venerdì sera con un ritorno a sonorità decisamente più classiche e più apprezzabili dei recenti DJset a cui ho preso parte.
Ho assistito infatti allo showcase di Peter Cincotti, pianista e cantante statunitense di grande calibro, balzato agli onori delle cronache quando era solo un bambino, che vanta numerose performances di rilievo, si è esibito anche alla Casa Bianca, ed attualmente è elogiato dalle critiche di tutto il mondo.
La Salumeria della Musica si rivela ancora una volta la location ideale per ascoltarsi in tranquillità, a pochi metri dal palcoscenico, della buona musica fatta da artisti che sicuramente non riempiono uno stadio, ma sul cui livello non vi è alcun dubbio.



Domenica invece trascorsa all'insegna dell'arte figurativa. Sono stato invitato presso le scuderie del Castello Visconteo di Pavia a visitare la mostra "La vie en peinture" dedicata ad uno dei massimi esponenti dell'Impressionismo: Pierre-Auguste Renoir. Poche opere esposte se si pensa agli oltre cinquemila quadri prodotti dal grande maestro in sessant'anni di carriera, ma che rendono l'idea della rappresentazione e celebrazione della bellezza, elemento costante in tutta la sua produzione artistica.

Femme à l'ombrelle assise dans le jardin, 1872 - Olio su tela, 46x37,9 cm

La settimana riprende coi normali ritmi di lavoro ma anche con una nuova seratina musicale: questa sera poltroncina riservata agli Arcimboldi... taaaac!